Voci di piazza

Accasato, in una villa principesca.
Oggi ha la possibilità di mostrarsi, sui teleschermi, come capo di un partito, che è difficile collocare
nell’arco antifascista e perciò costituzionale.
Ci troviamo di fronte a trame intessute segretamente, da chi ha mezzi e obiettivi precisi, sono così venuti alla luce: "uomini di primo piano", "i mandanti", "i finanziatori" che senza scoprirsi, possono camuffare le loro trame, con tinte diverse da quella nera.
Si vogliono cioè sovvertire le istituzioni democratiche della nostra repubblica.
A questo fine si strumentalizzano i giovani, i meno responsabili.
Approfittando dell'inesperienza, giovani, spesso ancora adolescenti, come avviene in ogni parte del mondo, quando si vogliono soffocare le aspirazioni di progresso, di giustizia e di democrazia dei popoli.
Sembra che la storia si ripeta, e cioè che anche oggi, non si scavi in profondità, che non si affondi il bisturi risanatore fino alla radice del male.