O tempora, o mores!

La civiltà decade inesorabilmente, ma il peggio è che il bambino e quindi l'adolescente e quindi l'uomo, non dedica più nessuno studio, nessuna cura a comunicare con i nostri simili facilmente, ma i nostri bambini riempiono i loro quaderni a casaccio, scombiccherano il foglio senza ordine e senza regolarità
in futuro saranno così fatalmente dei maleducati, degli incivili senza adottare le stesse buone regole che presiedono alla convivenza civile
controllare le manifestazioni troppo spontanee e troppo libere della nostra individualità, in una sola parola...uniformarsi
è una prova di civiltà e per tutte queste ragioni è impossibile negare che viviamo in un'epoca di grave decadenza.
"Sono molto più vecchio di lei, ma mi permetto di dissentire!"
- "Come? non è d'accordo con me?" - "No! e le farò vedere che non viviamo affatto in un'epoca di decadenza perchè tutte quelle belle cose che lei ha detto dell'uniformità, mezzo e prova di civiltà, sono ancora tutte vere! Basta riferirle all'armonia."
- "Ha ragione però che cosa c'entra la musica?"
- "Vuole una definizione? è l'arte di formare i caratteri del mondo moderno..."
- "Mi scusi maestro! Oggi armonia, musica, sono parole vane..."
- "hehe...anche da piccolo era così, predica tanto e poi non lascia mai parlare gli altri; alle mie lezioni non parlava, non era necessario, erano lezioni...silenziose"
- "E'evidente che lei non insegna più!"